Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
27/11/2020 06:00:00

Processo Rostagno, la Cassazione conferma la condanna a Virga. Assolto Mazzara

18,10 - I giudici della Corte di Cassazione hanno confermato la condanna all'ergastolo per Vincenzo Virga e assolto Vito Mazzara nel processo per l'omicidio del giornalista Mauro Rostagno.

La Suprema Corte ha dunque confermato la condanna per il boss trapanese, ritenuto il mandante dell'omicidio, avvenuto a Valderice la sera del 26 settembre del 1988.

I giudici hanno assolto, invece, Vito Mazzara, che non è stato ritenuto l'esecutore materiale dell'omicidio, in primo grado era stato condannato all'ergastolo dalla Corte d'Assise di Trapani e poi assolto dalla Corte d'Appello di Palermo.

15,20 - Sono in corso le battute finali del processo Rostagno davanti alla Suprema Corte di Cassazione. Il procuratore generale Gianluigi Pratola ha concluso il suo intervento chiedendo il rigetto del ricorso presentato dai difensori di Vincenzo Virga e la conferma della condanna all'ergastolo e l'annullamento dell'assoluzione e rinvio alla corte d'Appello per Vito Mazzara, che, lo ricordiamo, in primo grado era stato condannato all'ergastolo e in appello poi è stato assolto.

Per il momento sono in corso gli interventi dei difensori di Virga e Mazzara che sono stati preceduti dagli interventi dei difensori delle parti civili. Per Chicca Roveri e Maddalena Rostagno, moglie e figlia del giornalista, è intervenuto Fausto Maria Amato: "l’assoluzione di Vito Mazzara sarebbe una macchia difficile da cancellare e che finirebbe con il nascondere lo scenario criminale riguardante non solo l’uccisione di Rostagno ma anche quello che in quel 1988 maturava a Trapani nei rapporti tra mafia e politica", ha detto il legale.

Per Carla Rostagno, sorella di Mauro, invece, l'intervento di Fabio Lanfranca, che ha puntato sulla necessità di riportare in appello il processo contro Vito Mazzara. Il legale di Libera Enza Rando ha sostenuto le richieste del procuratore generale, contestando l'assoluzione di Mazzara. Più tardi la sentenza.

06,00 -  Oggi 27 novembre la Cassazione deciderà sul ricorso della Dda di Palermo e dei legali di Virga riguardo al processo Rostagno, il giornalista e sociologo ucciso dalla mafia il 26 settembre del 1988.

"Dopo trentadue anni senza di te, a raccogliere tutta la merda e l'oro che ne è scaturito, l'atto finale me lo vivrò chiusa in cameretta e non in un'aula di tribunale - così qualche giorno fa ha scritto sui social Maddalena Rostagno -. Papà potessi raccontarti cosa stavo facendo quando mi è stata confermata, neanche Kafka, sempre le solite storie di ego smisurato e piccioli... Madonna mia quanto avrei bisogno di respirare adesso con te accanto".

Per l'omicidio nel 2014 furono condannati in primo grado Vincenzo Virga, capo della mafia di Trapani, ritenuto come il mandante e Vito Mazzara, killer, di Cosa nostra che avrebbe ucciso Rostagno.

La sentenza della Corte di Assise d'Appello di Palermo, invece, a febbraio del 2018, ha ribaltato parzialmente la sentenza di primo grado con l'assoluzione di Vito Mazzara, colui che era ritenuto l'esecutore materiale dell'omicidio di Rostagno. E' stato invece confermato l'ergastolo per Vincenzo Virga. 

I giudici della Corte d’Assise d’Appello non ritennero sufficienti per una condanna le analisi delle impronte genetiche trovate sui resti del fucile a canne mozze rinvenuti a terra sul luogo del delitto (la canna di legno si ruppe al momento dell’esplosione dei primi colpi), effettuati dai periti della Corte d'Assise di Trapani.  Oggi la decisione dei giudici della Suprema Corte a trentadue anni dall'omicidio di Rostagno

A Trapani, invece, si sta svolgendo, davanti al giudice monocratico il processo contro 10 persone accusate di aver reso false testimonianze nel corso del processo Rostagno e tra questi, sono imputati, l’ex luogotenente dei carabinieri di Trapani Beniamino Cannas, il massone Natale Torregrossa e Leonie Chizzoni Heur, vedova del generale dei servizi segreti di origine trapanesi Angelo Chizzoni.

 Le motivazioni integrali della sentenza di primo e secondo grado le potete leggere qui.