Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
03/03/2021 22:00:00

Sicilia, il deputato Luca Sammartino rinviato a giudizio per corruzione elettorale

Da recordman di preferenze al rinvio a giudizio per corruzione elettorale. Il Gup di Catania, Luigi Barone, ha rinviato a giudizio per corruzione elettorale il deputato Luca Sammartino di Italia Viva.  L’inchiesta coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, si basa su indagini della Digos della Questura su una presunta compravendita di voti per le regionali 2017 e le politiche 2018.

Luca Sammartino, eletto all’Assemblea Regionale Siciliana con oltre 32 mila preferenze nel 2017, divenne uno dei renziani con maggior consenso popolare (in Sicilia prima di passare dal Pd a IV, aveva la forza di una corrente politica). Nel 2018 però non riuscì a ottenere l’elezione alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Misterbianco. 

 Secondo l’accusa Sammartino avrebbe promesso posti di lavoro e trasferimenti in cambio di voti per sé e per altri esponenti politici a lui vicini. Gli episodi contestati erano undici, ma dopo il deposito della memoria difensiva del suo legale, l’avvocato Carmelo Peluso, cinque sono stati stralciati.

"Finalmente il 2 dicembre mi troverò davanti ad un Tribunale che potrà valutare nel merito la mia innocenza. Ho sempre affermato di non aver commesso alcun reato. Sono convinto e fiducioso che la verità emergerà in giudizio" è la replica di Sammartino.