Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/08/2021 06:25:00

Trapani, estorsioni ai dipendenti di un supermercato. Chiesto il rinvio a giudizio

 La Procura della repubblica di Trapani ha chiesto il rinvio a giudizio per le sei persone coinvolte nell’indagine della Guardia di finanza “A shot of money”, relativa alle estorsioni in busta paga che sarebbero state commesse, fino all’inizio del 2019, in danno di diversi dipendenti del supermercato Conad di Trapani quando questo era gestito dalla società “L’Arcipelago”.

Estorsioni che, secondo quanto emerso dall’indagine, sarebbero state commesse addirittura con la complicità di due sindacalisti. Il processo è stato chiesto per Gianluca Amato, 47 anni, di Carini, Salvatore Vitale, 42 anni, anche lui di Carini, ma residente a Palermo, rispettivamente presidente del Cda e consigliere delegato de “L’Arcipelago”, Massimo Leonardi, 47 anni, catanese, Romina Fiore, 38 anni, di Palermo, responsabili all’epoca dei fatti del Conad di Trapani, e i sindacalisti Nunzia Bivona, 50 anni, di Palermo, della UilTucs, e Antonino Bignardelli, 53 anni, di San Vito Lo Capo, della Cildi. Tutti sono accusati di estorsione in concorso. Amato e Vitale anche di riciclaggio. L’udienza preliminare davanti al gup Emanuele Cersosimo si terrà il prossimo 7 settembre.

Per i sei indagati, ai primi di novembre 2020, il gip di Trapani dispose misure cautelari personali interdittive: divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale o uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese e la professione di conciliatore sindacale, nonché il sequestro preventivo di circa mezzo milione di euro, quale profitto illecito dei reati di estorsione e auto-riciclaggio. L’indagine è stata condotta dal luogotenente Antonio Lubrano e dal maresciallo Salvatore Missuto, che quando erano in servizio alla sezione di pg delle Fiamme Gialle della Procura di Marsala (oltre vent’anni) hanno maturato una vasta e solida esperienza sul fronte delle estorsioni in danno dei lavoratori. I casi più clamorosi quelli approdati alla condanna del panettiere Giuseppe Bonafede e dei “caporali” in campo agricolo Maggio e Angileri. Nell’indagine sulla Conad-L’Arcipelago, il lavoro di Lubrano e Missuto è stato coordinato dal sostituto procuratore di Trapani Francesca Urbani.