"Non c’è più tempo. Non abbiamo più posti letto dove ricoverare le persone, siamo costretti a riutilizzare i dispositivi di protezione individuale, perché scarseggiano, e in molte realtà quelli disponibili non sono idonei. Siamo in pericolo costante. Non c’è più neanche il tempo per piangere, se non al termine dei lunghi turni massacranti. Siamo come soldati al fronte. Abbiamo bisogno di ospedali, di personale. Subito. Ora. Non domani. Abbiamo bisogno anche di voi cari cittadini. Chiudetevi in casa. Ogni uscita apre la porta al virus".L'appello della Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristich

Cast: Tp24

" />
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Coronavirus, l'appello degli infermieri: 'Non c'è più tempo'

"Non c’è più tempo. Non abbiamo più posti letto dove ricoverare le persone, siamo costretti a riutilizzare i dispositivi di protezione individuale, perché scarseggiano, e in molte realtà quelli disponibili non sono idonei. Siamo in pericolo costante. Non c’è più neanche il tempo per piangere, se non al termine dei lunghi turni massacranti. Siamo come soldati al fronte. Abbiamo bisogno di ospedali, di personale. Subito. Ora. Non domani. Abbiamo bisogno anche di voi cari cittadini. Chiudetevi in casa. Ogni uscita apre la porta al virus".L'appello della Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristich

Cast: Tp24

 |   |  Inizio  1 2 3 4   Fine