Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Ecco come nasce la frutta martorana

In Sicilia l'1 e il 2 Novembre, per la ricorrenza dei defunti, si festeggiano i "morti". E l'usanza vuole che in questo periodo si prepari anche la frutta martorana. più correttamente, la "frutta di Martorana". Imitazioni perfette di frutta, dalle pere alle banane, dalle pesche ai mandarini, ma fatta di pasta di mandorla. Una prelibatezza. Ancora oggi ci sono laboratori di alta pasticceria che, a partire dalla mandorla fino ai coloranti naturali, preparano la frutta martorana, con un procedimento lungo, che dura anche cinque giorni, come ci raccontano da Elisir, che, in Via Sibilla, nel centro di Marsala, prepara ancora oggi una frutta martorana di qualità. Siamo entrati nei loro laboratori, per rubare alcuni momenti della lavorazione.

 |   |  Inizio  1 2 3 4   Fine