Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Pupi, maschere e non solo. Finestre sul mondo, un nuovo spazio interculturale a Marsala

“Finestre sul mondo è un sogno che coltivavo da anni. Vuole essere la conclusione di una serie di viaggi che abbiamo fatto, con altri amici. E ogni viaggio è una finestra su un pezzo di questo mondo”. E quando Salvatore Inguì inizia a raccontare, pezzo per pezzo, ogni oggetto, ogni testimonianza che è riuscito a raccogliere in giro per il nostro pianeta, sembra di viaggiare con lui. Trasportati in Congo guardando un Nkisi, saltando in Guatemala con le coloratissime maschere in legno, per finire in Oriente con le pregiate marionette del teatro delle ombre. Un viaggio che non può non avere una finestra, molto grande, sulla Sicilia e sull tradizione dell’opera dei Pupi. Tutto in uno spazio allestito in via Sibilla a Marsala. Uno spazio in continuo allestimento, realizzato con lo sforzo di Salvatore Inguì, da una vita nel sociale, coordinatore di Libera in provincia di Trapani, e una serie di amici. Uno spazio in cui troviamo una parte espositiva fissa, con reperti e manufatti da ogni parte del mondo. Un’altra parte espositiva variabile, ogni mese un artista, un autore può esporre manufatti propri o altre opere, da quadri a fotografie. Poi c’è il fiore all’occhiello. Il teatrino dell’Opera dei Pupi siciliani ad opera del maestro Angelo Sicilia.

 |   |  Inizio  1 2 3 4   Fine