Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

Marsala, giro della vergogna nella città sommersa dai rifiuti

Abbiamo fatto un piccolo giro, tra le contrade Amabilina e Madonna Alto Oliva. Ma è così ovunque. Stradine che danno le spalle al quartiere popolare, e che ai lati sono pieni di sacchetti, ma anche pneumatici, scarti d’edilizia, gli immancabili materassi. Rifiuti e natura che si mescolano. Se qualcuno volesse, per puro caso, ripulire tutto, non saprebbe distinguere dove finiscono i rifiuti e dove inizia la parte “pulita”. Saliamo un po’, Madonna Alto Oliva. Stradine che si fanno più strette, su per le zone più alte della città. Proprio qui in molti hanno realizzato ville con tanto di vista sullo Stagnone e sulle Egadi. Una vista meravigliosa. Ma ruotando lo sguardo vedi solo rifiuti. Montagne di spazzatura, davvero di ogni tipo.

 |   |  Inizio  1 2 3 4   Fine