Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
22/10/2020 10:24:00

All'Ars manca il numero legale, salta la votazione per la nascita del comune di Misiliscemi

 Ieri doveva essere il grande giorno. Quello che avrebbe dovuto sancire definitivamente la nascita del nuovo Comune di Misiliscemi che raggruppa otto frazioni di Trapani.

Ed, invece, all’Ars è mancato il numero legale e di conseguenza, in aula, il disegno di legge per l’istituzione del nuovo Ente locale non è stato discusso tantomeno è stato sottoposto alla votazione finale. Tutto rimandato al prossimo 27 ottobre. Insomma, il lungo e travagliato iter si è arricchito di un nuovo capitolo.

Fiducioso, però, il presidente dell’associazione Misiliscemi, Salvatore Tallarita: “Abbiamo cinque pareri favorevoli su cinque, l’aula non può ribaltare questa circostanza. Se poi la legge non dovesse essere rispettata, ne prenderemo atto e ci muoveremo di conseguenza”.

Il “Sì” a Misiliscemi era stato espresso dal Consiglio comunale di Trapani, dall’esito del referendum indetto per l’istituzione del nuovo Comune, dall’ufficio legale della Regione, dall’ufficio economico e dalla commissione Affari istituzionali.