Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
29/06/2022 06:00:00

Marsala: Musumeci inaugura l'infopoint all'imbarcadero per Mozia, ma funziona solo di mattina

 E’ stato inaugurato ieri pomeriggio l’InfoPoint all’Imbarcadero storico per Mozia, un servizio turistico che dovrebbe riqualificare l’area del molo che si affaccia sulla Laguna storico e che in questo periodo, ma anche in inverno, è frequentato da tantissimi visitatori.

Da lì si imbarcano per Mozia o per un giro in Laguna, presente all’inaugurazione il presidente della Regione Nello Musumeci, che ha mantenuto l’impegno preso con l’intera città, qualche anno fa a Mozia alla presentazione del libro dell’archeologo Lorenzo Nigro aveva proprio specificato che quel luogo doveva avere un Info Point di rispetto e soprattutto dotato di servizi igienici.

Promessa mantenuta ma la cosa che non va bene è che al momento questo servizio verrà svolto dal personale comunale: l’Info Point sarà aperto tutte le mattine fine alle 13, poi per i turisti non sarà possibile né andare in bagno e nemmeno chiedere informazioni, a queste carenze come sempre risponderà in maniera positiva chi da oltre 40 anni è sul quel molo e trasporta milioni di turisti, l’azienda storica Arini e Pugliese.

Sarebbe stato coraggioso e anche opportuno affidare proprio la gestione dell’Info Point ai privati che non solo avrebbero tenuto aperto tutto il giorno ma avrebbero anche reso un servizio alla collettività mantenendo lo stato di decoro di quel posto.

La Laguna del resto è gestita malissimo, una Riserva che è presa d’assalto dagli sportivi del kite, nascono chioschi dall’oggi al domani e nel frattempo nessuno si occupa seriamente di una delle più belle e delicate zone della Sicilia, che va tutelata e non sfruttata.

All’inaugurazione hanno presenziato la Prefetta di Trapani, Filippina Cucuzza, il Comandante del Circolare Marsala, la Tenente di Vascello Francesca Reccia, per l’amministrazione il vice sindaco Paolo Ruggieri e l’assessore Oreste Alagna con delega al Turismo e altri componenti della giunta, presenti anche i deputati regionali Eleonora Lo Curto, Stefano Pellegrino, Sergio Tancredi.

Il governatore Musumeci ha portato a compimento quanto detto nel 2020: “Lo storico molo, dal quale transitano i visitatori, non disponeva di uno spazio di accoglienza, niente gabinetti e niente Infopoint. Ho disposto la riqualificazione dell’edificio regionale e la sistemazione dell’area antistante, per creare le migliori condizioni per i visitatori che, in tal modo, potranno contare su una struttura sicura e accogliente, mentre attendono di imbarcarsi al loro ritorno sulla terraferma. Il turismo non si inventa va stimolato con la qualità dei servizi offerti”.

Prevista anche la realizzazione di tre chioschi in legno che dovranno accogliere i servizi aggiuntivi e le attività commerciali, ma anche ospitare eventuali iniziative promozionali.

Attraverso la costruzione di una rampa pianeggiante è stato migliorato il punto d'accesso ai bagni ed installati, tra aiuole e palme, anche sedili per consentire ai visitatori di accomodarsi durante l'attesa del traghetto, godendo della bellezza del paesaggio. Per tutelare l'incolumità delle gente si provvederà, inoltre, a collocare una staccionata in legno lungo l'intero margine del punto d'accesso.