Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
25/06/2022 18:00:00

Massimo Bellina: "Il mondo del vino tra domatori, prestigiatori ed equilibristi..."

 Oggi voglio parlarvi del mondo del vino. Un microcosmo che dall'esterno sembra un regno dorato dove in molti vorrebbero entrare ma che in realtà è meno etereo di quello che appare. Dopo oltre quarantuno anni di permanenza in questo pianeta dal quale presto migrerò e che naviga in una galassia tutta sua, mi sono fatto un'idea, una specie di metafora, che di seguito vi racconto. Il variopinto business del vino è assimilabile ad un grande circo. Al suo interno si esibiscono i prestigiatori, gli equilibristi e i domatori di bestie feroci tuttavia la figura che prevale sulle altre è spesso quella del giullare, volgarmente chiamato pagliaccio o più semplicemente clown. Si proprio lui il clown, un personaggio sempre presente nel circo che comunque assolve al suo ruolo che è in sintesi quello di fare ridere rendendo ridicolo se stesso e prendendo in giro la gente. A lui è permesso dire tutto ed il contrario di tutto, può esagerare su tutto, sparare le più incredibili cazzate pur di divertire chi lo osserva. C'è però una differenza tra il giullare del circo e quello del mondo del vino. Il primo lo si riconosce subito e difficilmente chi lo sente si beve le sue battute. Per il secondo invece il riconoscimento non è immediato e pertanto finchè non è scoperto molti credono a quello che dice e anzi lo portano ad esempio.

Tra il clown del circo e il domatore di bestie si collocano il prestigiatore e l'equilibrista. Il primo propone ai suoi spettatori una realtà che non esiste. Illude con i suoi trucchi e fa credere di potere fare cose impossibili con le sue abili mani. Fa diventare grandi le piccole cose e all'inverso rende piccole quelle che sono grandi. Sempre con l'inganno riesce a far credere di possedere quello che non ha e di poter dare quello che non può. L'equilibrista si muove invece in bilico tra la realtà e la fantasia. Si sforza di dire la verità ma non può fare a meno di metterci dentro un pò di pura invenzione. E' credibile solo a metà ma non è facile capire quanto di vero o di falso ci sia in quello che afferma nella sua quotidiana lotta per la sopravvivenza. Infine ci sono i domatori di bestie feroci che sono quelli più agguerriti. Questi scendono nell'arena ogni giorno e si confrontano con una realtà fatta di insidie. Combattere non per sopravvivere ma per vincere è la loro filosofia di vita. L'arena li arricchisce di esperienza tuttavia la loro saggezza spesso non viene apertamente riconosciuta. In realtà sono i domatori che reggono le sorti del circo e ne costituiscono la solida base. Tutto il resto ruota attorno a loro e contribuisce a rendere più evidenti i chiari e gli scuri di questo piccolo mondo che tende a mitizzare una fantastica materia, il vino, che invece potrebbe vivere di semplicità e assolvere con maggiore vigore al suo vero ruolo che è quello di fare godere i nostri sensi ed aiutare il mondo a socializzare senza ostacoli e barriere.

Massimo Bellina

Export Manager Carlo Pellegrino