Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
23/09/2021 06:00:00

"Mi vergogno di questa amministrazione". La maggioranza a Marsala perde pezzi 

Il sindaco Massimo Grillo sostiene che sia presto per fare un bilancio della sua attività amministrativa ma non è presto per fare un bilancio sulla maggioranza politica.

In consiglio comunale non è tutto rose e fiori, i mugugni contro Grillo sono più di uno così come in molti vociferano che il sindaco non ha più maggioranza e finirà peggio di Alberto Di Girolamo.
Cose che si potranno verificare a breve.

Stessa aria in giunta, dove molti assessori fanno sorrisi ma in verità stridono i denti, il sindaco pare che spesso faccia passi che non dovrebbe come riunioni senza gli assessori che hanno la delega della tematica affrontata.

La stessa Eleonora Lo Curto, capogruppo all’ARS dell’UDC, ha chiesto a Grillo un incontro lamentando la poca autonomia agli assessori e spingendosi anche in un rimpasto di deleghe.

Le elezioni regionali sono alle porte, molto fermento, qualcuno vocifera di una candidatura di Paolo Ruggieri, vicino al presidente della Regione Nello Musumeci, ma anche una serie di malumori che ci sono dentro ProgettiAmo Marsala, lo stesso consigliere Gabriele Di Pietra potrebbe abbandonare il gruppo. Del resto le ultime uscite sull’ospedale di Marsala sono state perentorie, a tutela della salute e dei servizi ai cittadini, esternazioni non gradite da Ruggero Razza, assessore alla Salute.

La politica è in movimento, a dover stare molto attento è proprio il sindaco Grillo che, nonostante il suo fare pacato ed estremamente democristiano, non fa più breccia. I consiglieri adesso vogliono risposte ma soprattutto chiedono di essere messi nelle condizioni di guardare in faccia il proprio elettorato. Tiene banco la questione dell’assistenza igienico sanitaria ai disabili, un botta e risposta che a parte le chiacchiere non ha prodotto nulla e che ha portato, nella giornata di ieri, all’occupazione dell’aula consiliare da parte dei consiglieri Flavio Coppola, Rosanna Genna, Michele Accardi, Rino Passalacqua, Mario Rodriquez, Nicola Fici.

Scricchiola il sistema Grillo, la prima a lasciare la maggioranza è stata proprio la Genna, Coppola è da sempre critico, l’opposizione viene chiamata finalmente al suo ruolo.

C’è chi si lascia scappare che questo è solo l’inizio di una maggioranza che non ci sarà più completamente da qui a qualche mese.

E ieri infatti c'è stato un pomeriggio movimentato ieri al consiglio comunale di Marsala, la questione dell’assistenza igienico sanitaria ai disabili nelle scuole ha tenuto banco.

I consiglieri chiedono il conto al sindaco della utilità di Marsala Schola, prendendo decisioni che bypassano la parte politica, l’assessora Antonella Coppola non era a conoscenza di decisioni prese dall’ente, per il quale molti chiedono la soppressione.
Rino Passalacqua si chiede a cosa servano queste tre poltrone, con tre stipendi, date al Cda di Marsala Schola.

Il pezzo forte arriva con l’intervento del consigliere comunale Andrea Marino: “Mi vergogno di questa amministrazione, non penso che starò ancora in maggioranza”. Il sindaco Massimo Grillo il 29 settembre, giorno dedicato alle interrogazioni, avrà più di un tassello da mettere a posto.

 

 

 

L’assessore alle Politiche Sociali, Giuseppe D’Alessandro, parla di incidente di percorso, di una macchia, ma che cercherà già da oggi di superare le criticità. Si parla di errore tecnico legato alla mancanza di assistenza igienico sanitaria, ma chi è responsabile di questo errore? Non si comprende.

La vicenda poi è finita con il servizio che riprenderà già domani, venerdì. Una cattiva figura, e a farne le spese sono state le famiglie dei bambini disabili.