Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi

L'incendio, la morte di Omar, la ripartenza. Viaggio nella baraccopoli di Campobello

L’ex cementificio, dove è morto Omar nell’incendio che ha distrutto la baraccopoli dei migranti stagionali, sembra un’estensione della periferia di Campobello di Mazara, però ricade formalmente nel territorio di Castelvetrano. Qui i braccianti sono in piena ricostruzione, mentre l’odore di bruciato è ancora pungente.Il nostro viaggio dentro il campo è scandito dai colpi di martello sul legno e dal passaggio di un furgone che porta ciò che serve. (Video di Francesco Appari con Egidio Morici)

 |   |  Inizio  1 2 3 4   Fine