Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
27/05/2022 06:00:00

Marsala. Grillo vuole aumentare la tassa di soggiorno, i consiglieri non sono d'accordo

Ampio dibattito ieri pomeriggio in consiglio comunale a Marsala sull’eventuale aumento della tassa di soggiorno, che lieviterebbe di 1 euro per i campeggi , 2 euro al giorno per i b&b o case vacanza, per gli alberghi a 2 stelle 3 euro a notte, per i 4 e 5 stelle il prezzo sarebbe di 3,50.

Un aumento che comporterebbe una spesa non indifferente per i turisti che, comunque, non avrebbero in cambio alcun servizio offerto degno di particolare normalità. L’aumento della tassa, il cui ricavato per come previsto dalla normativa va speso per l’implementazione degli stessi servizi turistici, essendo essa stessa una tassa di scopo, non è ben accolta dalla maggioranza dei consiglieri comunali.

Per l’assessore Giuseppe D’Alessandro la maggiorazione dell’imposta comporterebbe un gettito in più di 80 mila euro, la commissione consiliare di settore ha esitato favorevolmente l’atto deliberativo proposto dall’amministrazione comunale.

Il punto del problema lo coglie il consigliere Gabriele Di Pietra che domanda all’assessore in aula: “L’aumento scaturisce da ragioni di pareggio di bilancio o dalla effettiva volontà di incrementare i servizi turistici?”, e l’altra questione poi è relativa a quali servizi potenziare se in realtà di servizi non ce ne sono?

Toni più duri vengono usati dal collega di gruppo di Di Pietra, Leo Orlando: “Mi aspettavo oggi il calendario degli eventi estivi piuttosto che parlare di aumento della tassa di soggiorno. Il crono programma qual è? Quale fascia di importo vi serve? Oggi non ce lo avete detto”.
Poi chiosa: “E’ una proposta scellerata quella che avete portato in aula”.
Anche il consigliere Piergiorgio Giacalone chiede che ci sia più chiarezza sulla visione, seppure l’amministrazione abbia predisposto un itinerario turistico che include i principali luoghi della città.

Ad oggi tuttavia ci sono difficoltà per i turisti a raggiungere la zona sud e nord della città dove ci sono i lidi, non c’è un ufficio turistico che possa chiamarsi tale, stessa difficoltà per raggiungere l’aeroporto di Birgi, molti si affidano a taxi privati e pure abusivi.
Il problema della programmazione, ha detto l’assessore D’Alessandro, è legata al bilancio e, dunque, alle somme previste e accantonate per quel settore.

L’assessore Oreste Alagna, con delega al Turismo, ha chiarito la mission dell’amministrazione comunale che è legata al potenziamento dei servizi turistici ma per farlo sarà necessario aumentare la tassa di soggiorno, potenziando così i servizi, dal decoro urbano ai collegamenti.
L’aumento della tassa di soggiorno non è una operazione meramente contabile, ha detto Alagna, e la stessa imposta andrà a finanziare le iniziative culturali che potenzieranno l’offerta turistica marsalese.

L’atto deliberativo trova un muro all’interno dell’aula, Nicola Fici ne ha chiesto il ritiro fino a quando non si capirà bene l’utilizzo di questa nuova somma in entrata con l’aumento della tassa di soggiorno. 

Questo è il comunicato del Comune di Marsala:

Seduta di proseguimento quella di ieri del Consiglio comunale di Marsala. Subito dopo l'appello, presenti in 19, ha preso la parola la consigliera R. Genna (lamenta l'assenza di funzionari e, spesso, di amministratori in Aula, che valuta come una mancanza di rispetto per l'Assemblea civica). P. Ferrantelli comunica il proprio disappunto per l'ex via M. Nuccio dove ci saranno 300 numeri civici da cambiare con il nuovo toponimo via Rosalie Montmasson. N. Fici chiede la presenza in Aula dell'assessore Alagna per la trattazione della proposta di delibera sull'aumento della Tassa di soggiorno. L. Pugliese chiede ed ottiene il prelievo punto 13 odg, “Atto di indirizzo su direttiva Bolkestein” riguardante anche le concessioni balneari su cui si sta tanto dibattendo a livello nazionale. Illustrato l'atto, il Consiglio approva all'unanimità.

Nel prendere la parola il consigliere L.Orlando, chiede ed ottiene il prelievo del punto 11 odg, “Modifica tariffe Tassa di soggiorno”. L'illustrazione è affidata all'assessore G. D'Alessandro che parla di un gettito stimato in 80 mila euro. P. Ferrantelli, Commissione Bilancio, afferma il voto favorevole dell'Organo consiliare che presiede; mentre G. Di Pietra chiede una relazione più articolata e dettagliata da parte dell'assessore, chiarendo a quali servizi turistici sarà destinato il maggiore introito. N. Fici, sottolinea l'assenza dell'assessore al turismo Alagna e che l'atto non può essere visto solo ed esclusivamente dal punto di vista contabile; chiede altresì se ci sia stata una propedeutica analisi della situazione ricettiva a Marsala. W. Alagna esprime perplessità sull'atto che rappresenta un'operazione di cassa; una maggiore entrata a fronte della quale non si vede la sua giustificazione e su cui sono contrari gli operatori interessati. L. Orlando afferma che piuttosto che l'aumento della Tassa di soggiorno confidava nella presentazione del programma degli eventi estivi. I. Gerardi stigmatizza l'assenza dell'assessore Alagna (che nel frattempo fa il suo ingresso in Aula) e l'assenza di una programmazione turistica. M. Fernandez, presidente della Commissione Sport e Turismo, comunica che l'atto non ha avuto esito positivo. P. Giacalone, presidente della Commissione Affari generali, afferma di avere ascoltato sia il sindaco Grillo che l'assessore d'Alessandro, fugando alcuni dubbi sui servizi che saranno migliorati con l'aumento della tassa e sulla lotta all'evasione della stessa tassa e, da qui, il voto favorevole in Commissione. R. Genna, sul punto, afferma di avere votato favorevolmente ma con nota a verbale circa la destinazione dell'aumento della tassa. V. Milazzo afferma che l'argomento sui servizi turistici è stato più volte dibattuto in questi anni, con richiesta di migliorarli. Quindi l'aumento della tassa è giustificato per tale scopo. L' assessore Alagna, scusandosi per il ritardo dovuto a motivi personali, chiarisce quali sono le finalità della tassa destinata a taluni servizi turistici che vanno potenziati: dal decoro urbano alla viabilità, ai collegamenti bus con i versanti sud e nord. Ribadisce che sono stati istituzionalizzati eventi turistici che vanno supportati con servizi da finanziare anche con la tassa di soggiorno. Questa, infine, consentirà di migliorare l'offerta turistica dell'Estate Marsalese.

Il dibattito, poi, prosegue con un secondo (e anche un terzo) giro di interventi degli stessi consiglieri, tutti ribadendo la necessità di voler comprendere chiaramente le motivazioni per l'aumento dell'imposta di soggiorno.

L'intervento del vice sindaco P. Ruggieri ha posto all'Aula di valutare - vista la continua richiesta di giustificazione dell'aumento della tassa di soggiorno - la presentazione di un atto di indirizzo, prima o dopo l'approvazione dell'atto, in cui si chiarisca come si intenda investire il maggiore introito di 80 mila euro. A questo punto, prevale in Aula sia la volontà di sospendere i lavori (per consentire all'Amministrazione la presentazione di una proposta di investimento dell'aumento della tassa) che quella di ritirare l'atto. R. Passalacqua, pur condividendo la sospensione afferma che l'Amministrazione non sia in grado di fare una programmazione in poche ore.

Il presidente E. Sturiano, ritendo che il Consiglio debba essere messo nelle condizioni ci comprendere cosa si andrà a finanziare con l'aumento della tassa di soggiorno, chiude la seduta ed aggiorna i lavori a Lunedì prossimo, 30 Maggio, alle ore 17.