Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/05/2022 15:12:00

Bonus Smaltimento: incentivo eternit per la rimozione di amianto

Il Bonus Amianto è uno degli incentivi eternit che si può richiedere per la rimozione di amianto, la bonifica di un'area dalla presenza di eternit è la prevenzione principale, per combattere l'insorgere di danni alla salute ai cittadini.
L’incentivo consente alle imprese di procedere con lo smaltimento dell’asbesto, se vengono eseguite tutte le regole imposte per la rimozione sicura della sostanza cancerogena, i soggetti avranno diritto a ricevere un credito d’imposta del 50%.
Per poter usufruire di questa possibilità, gli interventi ammessi sono i seguenti:
- Smaltimento e rimozione di eternit (cemento-amianto)
- Rimozione e smaltimento di amianto in lastre, tubi, sistemi di coibentazione ecc.
La prima cosa da precisare è che la rimozione dell’amianto non deve mai essere eseguito con il “fai da te”, si tratta di un materiale apparentemente innocuo, ma le sue fibre sottilissime finiscono silenziose dentro i tessuti umani.
Esistono delle imprese che si occupano delle bonifiche, sono regolarmente iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali, Ugri-Servizi per l’Ambiente è leader nel settore della rimozione, trasporto, smaltimento, bonifica del sito contaminato, al termine di tutte le operazioni verrà rilasciato all’azienda che ha chiesto la rimozione dell’amianto un certificato di avvenuta bonifica di intesa con l’ASP di riferimento.
Il Bando Isi Inail Amianto concede un massimo di euro 130.000 a fondo perduto per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto. Il contributo, erogato in forma di bonifico bancario, copre il 65% delle spese da sostenere.

La Ugri si avvale anche di un team di esperti per l’avvio della pratica a cui seguiranno le operazioni necessarie:
- Sopralluogo e localizzazione della presenza di amianto´╗┐´╗┐.
- Preparazione del sito e invio di documentazione per le autorizzazioni necessarie all’ASP.
- Bonifica delle superfici di contatto e installazione´╗┐´╗┐.
- Rimozione del materiale cancerogeno´╗┐´╗┐.
- Smaltimento definitivo.