Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/05/2021 20:18:00

Michele D’Errico campione d’italia SM nella 6 ore di Corato

 

Neppure la lunga fase di assenza di gare ufficiali a causa del Covid-19 ha scalfito lo splendido stato di forma di Michele D’Errico, vice presidente e portacolori della Polisportiva Marsala Doc. A Corato (Ba), infatti, D’Errico ha letteralmente trionfato nella sua categoria d’età (ma, come sempre, sono tantissimi anche i giovani atleti che lascia alle sue spalle) nella faticosa prova della “6 ore”, laureandosi Campione d’Italia della specialità, della quale è, da anni, autentico veterano. La “6 ore Coratina”, gara organizzata dall’Asd Barletta, sotto l’egida della Fidal e della Iuta (Associazione italiana di Ultramaratona e Trail) è stata, infatti, valida quale Campionato italiano Iuta, inserita nel calendario 2021, nonché valevole come 9° prova del Grand Prix Iuta. E nella sua categoria, Michele D’Errico è stato dominatore assoluto correndo, in sei ore, per 62 km e 678 metri. Una prestazione di grandissimo rilievo, soprattutto se si considera il grande caldo che ha fatto in terra di Puglia, con temperature più alte rispetto a quelle solite di questo periodo di stagione. E con un percorso abbastanza articolato costellato di salite, ripetuto per 48 giri, su un basolato che ha messo a dura prova tutti gli atleti che hanno partecipato alla competizione. Per D’Errico, questo ennesimo successo si aggiunge ai diversi titoli italiani già conquistati, negli anni scorsi, nell’altrettanto dura specialità della “100 chilometri”. Un successo sicuramente frutto di costanti allenamenti, effettuati sempre con grande concentrazione, certamente non da tutti, soprattutto in un periodo, lunghissimo, la cui assenza di competizioni giustificherebbe anche un fisiologico calo di tensione. Ma questo, evidentemente, non è stato il caso di Michele D’Errico.